Vi segnaliamo che l’ambasciata italiana a Dublino cerca questa figura professionale.

Vi invitiamo a scaricare il Bando e la Domanda di partecipazione che dovrà pervenire 𝐞𝐧𝐭𝐫𝐨 𝐥𝐞 𝐨𝐫𝐞 𝟎𝟎.𝟎𝟎 𝐥𝐨𝐜𝐚𝐥𝐢 𝐝𝐞𝐥 𝟏𝟒 𝐚𝐩𝐫𝐢𝐥𝐞 𝟐𝟎𝟐𝟑.

Trovate in questo link maggiori informazioni

In occasione della giornata internazionale dedicata alle donne, il Comites con il supporto dell’Istituto Italiano di Cultura, dell’ ATI (Association Teachers of Italian) e del dipartimento di italianistica dell’UCC è lieto di lanciare un concorso artistico sulle Extraordinary Women, sulle Donne Straordinarie.

Questo progetto, destinato alle scuole secondarie, nasce per raccontare e raffigurare le donne che hanno lottato duramente per cambiare il mondo e che sono tuttora fonte d’ispirazione grazie ai loro valori ed alle loro idee.

 Si tratta di un’iniziativa pluridisciplinare che quindi coinvolge diverse forme espressive.

Gli studenti delle scuole secondarie sono invitati a presentare un progetto in inglese che potrà prendere la forma di un poster o di un podcast, o di una fotografia o di un video su una figura femminile straordinaria da cui imparare sin da giovani per realizzare un futuro grandioso.

Il concorso avrà inizio l’8 Marzo, la giornata internazionale dei diritti della donna e si concluderà nella data del 25 Novembre, giorno dedicato alla lotta contro la violenza sul genere femminile.

Gli elaborati dovranno essere inviati entro e non oltre il 19 maggio 2023. Si possono allegare via email in formato digitale o possono essere spediti via posta alla professoressa Gabriella Caponi, Department of Italian, UCC, Cork.

In questo link é possibile leggere maggiori informazioni.


Il Comites e l’Istituto Italiano di Cultura hanno organizzato insieme una conferenza dedicata al ricordo di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino a 30 anni dalla morte dal titolo“Per non dimenticare i nostri eroi di ieri e di oggi”. L’evento si é svolto il 23 giugno 2022 nel cuore di Dublino, nel prestigioso Trinity College.

La partecipazione della comunità italiana é stata grande, tanto che l’incontro é risultato subito sold out, colmando l’intera sala di circa 180 posti.


L’iniziativa si é aperta con un dibattito dove sono intervenuti Salvatore Borsellino, fratello minore del magistrato Paolo Borsellino, lo sceneggiatore e regista Pierfrancesco Diliberto (in arte Pif) la senatrice Laura Garavini e Silvia Gissi, presidente dell’associazione “Peppino impastato e Adriana Castelli”.

L’intervento di Salvatore Borsellino che ha parlato del sacrificio del fratello ucciso dalla mafia, é stato particolarmente toccante ed emozionante.


La serata si é conclusa con la proiezione del film “ La mafia uccide solo d’estate” di Pif.

I relatori sono stati davvero felici di partecipare alla conferenza ed hanno evidenziato l’importanza di raccontare la lotta contro la mafia anche all’estero:


“Tante persone stasera a Dublino, per l’evento in memoria di Falcone e Borsellino organizzato dal Comites in Irlanda e Marco Gioacchini , direttore dell’ Istituto Italiano di Cultura. Le mafie si contrastano partendo dalla mentalità collettiva come quella dimostrata stasera, da questo pubblico così partecipato”, ha scritto la senatrice Laura Garavini su Facebook.
“Bisogna continuare a parlare di Falcone e Borsellino perché le stragi non sono un capitolo chiuso, che la mafia non uccida non vuol dire che non ci sia piú. Mi è piaciuto l’evento, c’era tanta gente. Soprattutto all’estero, bisogna dare la giusta descrizione della mafia che viene considerata talvolta un po’ “cool” con aspetti alcune volte simpatici.”, ha commentato Pif.

Anche i partecipanti sono stati davvero entusiasti:

“L’evento mi é piaciuto molto sotto ogni punto di vista. La presenza della politica, di questa, politica, e lo dico da siciliano, per quanto bisognerebbe discutere sugli esiti reali, porta sempre con sé un certo peso nonché lascito. Inoltre, vederla attraverso il filtro dell’arte con il film e la personalità di pif, che per me é un malato pazzo e folle (in senso più che positivo), é oro”,

ha dichiarato Mirko, un ragazzo palermitano da un anno in Irlanda per lavoro.


Pienamente soddisfatti e felicissimi sono stati anche i Consiglieri del Comites e soprattutto la presidentessa Emiliana Capurro che ha fortemente voluto l’iniziativa:

“L’evento é stato una dimostrazione che si sente ancora il bisogno di parlare di Impastato, di Falcone, di Borsellino e di tutte le vittime della mafia. Si sente il bisogno di parlarne perché vogliamo mantenere vivo il loro ricordo e tramandarlo di generazione in generazione…
Parlarne esorcizza la mafia stessa… e concludo con una frase di Paolo Borsellino: parlate della mafia, parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene!

Il Comites in Irlanda fa partire il progetto scuola. Il sogno di una scuola italiana in Irlanda diventa finalmente reale.

Sabato 24 aprile 2022 ore 11 è suonata ufficialmente la campanella del primo  “Progetto Scuola”. Dodici bambini  irlandesi, italiani e bilingue dai 7 ai 9 anni hanno iniziato a seguire le  lezioni di italiano nella classe offerta dall’Istituto Italiano di Cultura. Il contributo e la collaborazione di Marco Gioacchini, il direttore, sono stati essenziali per la riuscita del progetto

La presidentessa del Comites, Emiliana Capurro, ha raccontato di aver provato una “forte emozione” salutando i bambini il primo giorno di scuola, “era evidente che una gioia ed un forte  entusiasmo attraversavano l’aula unendo insieme la maestra, i genitori ed i bambini.”

Nei mesi precedenti si era a lungo dibattuto se una scuola italiana in Irlanda fosse solamente un sogno irraggiungibile o si potesse davvero creare una struttura educativa simile a quelle già  esistenti in altre realtà europee e mondiali. Si è trattato infatti di un progetto pilota che se avrá un riconosciuto buon esito verrà replicato negli anni successivi. Sono state vagliate diverse ipotesi e si è scelto di puntare sulla qualità.

Claudio Morandi, preside e docente dello storico liceo scientifico italiano Cristoforo Colombo di Buenos Aires, aveva consigliato: “Per essere vincente, la Scuola Italiana all’estero deve essere una scuola di qualitá, deve competere con quella americana, con la tedesca, con la francese. Il mio consiglio, dunque, é che  se pensate di organizzare una scuola italiana, pensatela all’interno della scuola irlandese, studiate con le autoritá scolastiche locali, un curriculum integrato delle discipline irlandesi e di quelle italiane, tale da essere accettato da entrambi i paesi e che dia accesso a titoli validi per entrambi”.

La scommessa per ora sembra essere stata vinta, ma non senza un grande lavoro e diversi cambiamenti per adattarsi al contesto irlandese. “Prima di intraprendere questa iniziativa avevo consultato diversi presidenti del Comites in Europa, presentando la nostra idea, ed ho capito ben presto che dovevamo adattare il progetto ad un’utenza diversa, ai bisogni della nostra comunitá italiana in Irlanda.”

Il progetto di 10 ore e  suddiviso in 10 lezioni  è stato redatto e disegnato da una maestra per essere al contempo educativo e fattibile.

I bambini non fanno confronti con la scuola irlandese: “Anita è entusiasta, quando vado a prenderla mi racconta sempre cosa hanno fatto e mi fa tante domande relative agli argomenti trattati. Non fa confronti con la scuola irlandese, penso che viva le due esperienze come cose totalmente diverse. Le piace andare a scuola anche durante la settimana, il sabato lo vive come un regalo… e lo è anche per me; una bellissima iniziativa di accrescimento personale e approfondimento delle proprie radici.”, ha dichiarato entusiasta una mamma.

“L’insegnante Daniela è stata molto attenta a trasformare queste ore di lezioni, come un’opportunità per creare un ambiente intimo per imparare facendo partecipare e divertire i bimbi e divertirsi con loro. Questo corso di italiano ha offerto qualcosa di nuovo ai bimbi, qualcosa di diverso, outside the box, ha raccontato Marco il padre del piccolo Matteo.

Si tratta di una scuola dove viene impartito l’insegnamento della grammatica e della storia in italiano e per questo e’ necessario che i bambini abbiano già una certa padronanza della lingua. “L’idea era infatti di permettere ai nostri figli di poter comunicare non solamente con noi, ma anche renderli capaci di esprimersi correttamente quando passano le vacanze in Italia”, ha aggiunto la consigliera dei Comites Anna Floriani. La scelta di insegnare la storia è nata dall’esigenza di integrare nel curriculum educativo una conoscenza più approfondita delle antiche civiltà del Mediterraneo, la storia dei latini e dei greci.

Ci si aspetta che da questa esperienza nasca tra i bambini un forte spirito di gruppo, che si crei un solido legame tra coetanei che duri anche negli anni successivi. “ I bambini sono tutti felici di aver iniziato questo percorso e  sono già  riusciti a creare le prime amicizie, alcuni di loro mi hanno chiesto di potersi sedere sempre vicino ai nuovi amichetti”, ha commentato Emiliana Capurro. “La  maestra è  davvero bravissima e questo fa tantissima differenza.

Il progetto non decontestualizza i bambini dal loro mondo scolastico ma li arricchisce. Noi vorremmo pensare a questa iniziativa come  un progetto a lungo termine, vorremmo entrare all’interno delle scuole elementari irlandesi dove si insegna italiano come seconda lingua ed allargarlo a tutti i bambini che desiderano imparare non solamente a quelli di nazionalità italiana. Per abbattere ogni tipo di barriera ci piacerebbe anche creare dei corsi online così che possano partecipare anche i bimbi che non abitano a Dublino, ma in altre zone dell’Irlanda.”